Sin dall’antichità la murena Murena helena è sempre stata vista, per il suo aspetto minaccioso, come un pesce pericoloso e sanguinario tanto che, nell’Antica Roma, si pensava che gli schiavi venissero gettati in acque infestate di questi pesci per essere giustiziati. La murena è ampiamente diffusa nel Mar Mediterraneo, con l’eccezione del settore settentrionale del
Plectropomus pessuliferus marisrubri, nota anche come cernia rossa dei coralli del Mar Rosso, è un pesce di acqua salata dal corpo massiccio, con grande testa e bocca sporgente. Su entrambe le mandibole è presente una fila esterna di denti anteriori caniniformi inclinati verso l’interno, seguiti da una serie più interna di denti mobili e depressibili.
Cosa c’è di più affascinante che osservare le orche nuotare tra i fiordi norvegesi, dove le montagne innevate si tuffano direttamente in mare? L’uomo ha sempre ritenuto l’orca Orcinus orca un animale pericoloso, un po’ per la sua stazza e un po’ per l’abilità di questo mammifero marino a cacciare e a muoversi in branco. Il nome
In pochi conoscono la foca leopardo o idrurga Hydrurga leptonyx, perché pochi hanno avuto il piacere di visitare l’Antartide, uno dei pochissimi luoghi dove è possibile immortalarla. Questo temibile mammifero, goffo e innocuo all’apparenza, è invece un agile predatore dal corpo slanciato e muscoloso che nuota silenzioso tra gli iceberg e le calotte di ghiaccio
Noi subacquei ci lasciamo affascinare dall’atmosfera natalizia anche quando ci immergiamo, cercando tra i rami delle gorgonie la stella gorgone. Astrospartus mediterraneus, questo il suo nome scientifico, è un echinoderma appartenente alla classe delle Ofiure, anche se nulla ha a che fare con le sue parenti ed esili stelle serpentine. Ha un aspetto un po’
Gli squali hanno diversi sensi per percepire le prede, gli oggetti, gli ostacoli, altri animali, un altro squalo col quale accoppiarsi o aree dove partorire. A differenza dell’essere umano, però, hanno in più un “sesto senso” rappresentato dalle “Ampolle del Lorenzini”, le quali sono in grado di percepire in acqua i campi elettrici e magnetici.
Come ogni estate gli avvistamenti di squali lungo le coste italiane, soprattutto di mako e verdesche, hanno allarmato migliaia di turisti pronti per la stagione balneare. Molte sono le domande che si pongono i bagnanti: ci sono squali nel Mediterraneo? Perché si avvicinano alla costa? Sono pericolosi per l’uomo? Come dobbiamo comportarci? Nel Mediterraneo, bacino
Gli squali vivono sulla Terra da più di 400 milioni di anni e, nel corso dei millenni, non hanno potuto far altro che adottare e sviluppare diverse strategie riproduttive per sopravvivere e portare avanti la specie. Gli squali sono animali a sessi separati, ovvero possono essere o maschi o femmine: i maschi, a differenza delle
Banco di Santa Croce, immersione nel Golfo di Napoli - Immersioni subacquee
Il Banco di Santa Croce è il paradiso dei subacquei in Italia. Il Banco di Santa Croce è il paradiso dei subacquei in Italia. Spesso ci dimentichiamo delle bellezze del Mare Nostrum, cercando adrenalina e divertimento in posti esotici e tropicali. Pochi sanno invece che, a poca distanza dalla foce del fiume Sarno, sono presenti
“Dramma, pauroso incidente, arti amputati…” sono solo alcuni dei termini forti che si leggono nelle testate giornalistiche che hanno riportato l’attacco di uno squalo ad un dodicenne nelle acque di Sharm el Sheikh, Mar Rosso. Il fattaccio è accaduto il 25 ottobre 2020: un ragazzo ucraino, in immersione (o snorkeling?) con la madre e la
TORNA SU